Senape

470 592 Ambiente e Biodiversità
  • 3

Nome comune: senape
Specie: Sinapis spp. L.
Famiglia: BRASSICACEAE

In generale: le senapi sono piante erbacee annuali, diffusamente coltivate e spesso inselvatichite.

Nome comune: senape bianca
Specie: Sinapis alba L.
Famiglia:  BRASSICACEAE

La senape bianca è coltivata in tutta Europa come pianta oleosa.

  • Ha fiori gialli.
  • Le foglie caulinari superiori sono picciolate, da pennato-divise a pennatosette.
  • Le silique (cioè i frutti contenenti i semi, simili a baccelli di fagiolo o pisello) hanno setole rigide e lungo becco appiattito.
  • I semi sono di colore da giallo chiaro a biancastro.

Nome comune: senape selvatica
Specie: Sinapis arvensis L.
Famiglia:  BRASSICACEAE

La senape selvatica è una pianta erbacea alta fino a 60 cm circa.

  • Ha fiori gialli.
  • I fusti si presentano con setole ruvide, specialmente in basso.
  • Le foglie superiori generalmente sono intere e sessili, mentre le foglie inferiori sono incise e picciolate.
  • Le silique sono corte e cilindriche, poco strozzate tra i semi, generalmente glabre.
  • I semi sono sferici, lisci, di colore marrone scuro.

La senape, contrariamente al raperonzolo che tende ad abbassare i sepali, tende ad alzarli.

Nome comune:  senape nera, cavolo senape nera
Specie: Brassica nigra (L.) W.D.J. Koch
Famiglia:  BRASSICACEAE

Tossicità

I semi delle senapi contengono dei glicosidi che mischiati all’acqua (compresa quella presente nella saliva) liberano un alcaloide, la sinapina.
Per questo un uso indiscriminato dei semi di senape può causare problemi gastrointestinali anche gravi.
L’utilizzo esterno, inoltre, può provocare dermatiti e infiammazioni cutanee, anche con gonfiori e vescichette.

Curiosità

In passato gli impiastri di senape sono stati utilizzati nella medicina popolare contro le infiammazioni.
Dai semi delle senapi si ottiene la così detta “senape”, condimento conosciutissimo costituito da un miscuglio di semi di senape, solitamente bianca e nera, con aceto, curcuma, paprika, sale, zucchero e altre spezie.

Logo ActaplantarumLink da Actaplantarum: Sinapis alba
Wikipedia

Sinapis alba

Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Senape bianca
Sinapis alba - Köhler–s Medizinal-Pflanzen-265.jpg
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Capparales
Famiglia Brassicaceae
Genere Sinapis
Specie S. alba
Classificazione APG
Ordine Brassicales
Famiglia Brassicaceae

La senape bianca (Sinapis alba) è una pianta annuale della famiglia Brassicaceae. Coltivata per i suoi semi, come foraggio e come concime per prati, è oggi diffusa in tutto il mondo, sebbene sia originaria probabilmente del bacino del Mediterraneo.

Descrizione

I fiori gialli della senape producono silique pelose, che contengono di solito una mezza dozzina di semi, con diametro di 1 - 1,5 mm, di colore variabile dal beige al giallo al marrone chiaro.

Utilizzo in cucina

I semi possono essere usati interi come sottaceto o tostati per condire pietanze. Quando sono macinati e mescolati con altri ingredienti, si produce una pasta o un'altra forma più comune.[1]

I semi contengono sinalbina, un tioglicoside responsabile del loro sapore pungente. La senape gialla ha una piccola quantità di oli volatili e il gusto è più leggero di quello dei semi di senape nera. In Grecia le foglie della pianta si possono consumare durante l'inverno, prima che fioriscano; i greci le chiamano "vrouves" o "lapsana".

Note

  1. ^ DAVID T. BALKE and LEVENTE L. DIOSADY; “Rapid aqueous extraction of mucilage from whole white mustard seed”; Food Research International; June 2000; 33 (5): pp. 347-356.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Logo ActaplantarumLink da Actaplantarum: Sinapis arvensis
Wikipedia

Sinapis arvensis

Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Senape selvatica
Illustration sinapis arvensis.jpg
Sinapis arvensis
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Capparales
Famiglia Brassicaceae
Genere Sinapis
Specie S. arvensis
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Tricolpate basali
(clade) Rosidi
(clade) Euasteridi II
Ordine Brassicales
Famiglia Brassicaceae
Nomenclatura binomiale
Sinapis arvensis
L., 1753
Sinonimi

Brassica arvensis
Rabenh.
Brassica kaber
(DC.) L.C. Wheeler
Brassica sinapistrum
Boiss.
Sinapis orientalis
L.
Sinapis schkuhriana
Rchb.

La senape selvatica (Sinapis arvensis L., 1753) è una pianta erbacea, annuale, della famiglia delle Brassicacee.[1]

Distribuzione e habitat

Originaria del bacino del Mediterraneo, è diffusa in tutte le regioni temperate del pianeta invasiva in alcune zone del Nord America; in Italia cresce nei campi e nei ruderati, dai 0 ai 1400 m s.l.m.

Descrizione

Radici

Corta, gracile, e di colore bianco.

Fusto

Pianta con fusto eretto o ascendente, mediamente alto dai 20 cm ai 100 cm ma in condizioni ottimali può superare il metro, pubescente o scarsamente pubescente con peli irsuti o ispidi soprattutto alla base, ramosa, striati.

Foglie

Le foglie sono picciolate con lunghezza di 1–4 cm, le basali hanno lembo oblungo, ovali, lanceolate, lirate, pinnafite o indivise e dentate, larghe 2–5 cm lunghe 4–18 cm, il lobo terminale è ampiamente ovato, obovavato, di forma ellittica, con margine dentato, i lobi laterali sono da 1-4. Le foglie caulinari sono poco picciolate con lamina fogliare ovata o lanceolata spesso indivisa, margine dentato o subdentato e apice acuto.

Fiore

L'infiorescenza è un racemo, composto da fiori con sepali gialli o verdi, strettamente oblunghi, lunghi 5–6 mm larghi 1-1,8 mm, petali di colore giallo pallido o più acceso, obovati, larghi 0,9-1,2 cm lunghi 4–6 mm; stami lunghi 4–6 mm, antere oblunghe.

Frutti

La siliqua è ascendente o suberetta per lo più ricurva, picciolata, glabra raramente pubescente, larga 1,5–3 cm, e lunga 2-4,5 cm, contenente mediamente 4-8 semi, le due valve presentano 3-5 venature, torulose, terete, il con becco di 0,8-1,2 cm di forma conico e subulata.

Semi

Sono di colore nero-brunastri, globosi, di 1,5–2 mm di diametro, finemente reticolati.

Corredo genetico

La senape selvatica ha 18 cromosomi quindi il numero cromosomico è 2n=18

Varietà

  • Sinapis arvensis var. stricta Celak.
  • Sinapis arvensis var. pinnatifida Stokes
  • Sinapis arvensis var. schkuhriana (Rchb.) Hagenb. 1949
  • Sinapis arvensis var. orientalis (L.) Koch & Ziz.

Per le varietà schkuhriana e orientalis si ritiene dubbia la suddivisione soprattutto per la presenza di peli ricurvi verso il basso.

Moltiplicazione

È principalmente propagata per seme.

Principi attivi

I semi contengono glicosidi complessi: la sinalbina e la sinigrina. Le foglie contengono bassi quantitativi di acido ascorbico.

Usi

Le foglie della senape selvatica sono commestibili allo stadio giovanile della pianta. Nell'alimentazione animale, esclusi gli uccelli, i semi sono tossici e causano problemi gastrointestinali soprattutto se consumati in grande quantità.

Note

  1. ^ (EN) Sinapis arvensis, su The Plant List. URL consultato il 19 febbraio 2016.

Bibliografia

  • Giuseppe Cerutti, Residui, additivi e Contanminanti degli alimenti, Tecniche Nuove, 2006, p. 296, ISBN 978-88-481-1764-7.
  • Sandro Pignatti, La flora D'Italia, vol. 1, Edagricole, 1982, p. 788.
  • (EN) C. Gómez-Campo, Biology of Brassica coenospecies, Elsevier, 1999, p. 489, ISBN 978-88-481-1764-7.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica
Preferenze sulla Privacy

Quando visitate il nostro sito web, esso può memorizzare informazioni attraverso il vostro browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla Privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla vostra esperienza sul nostro sito web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Analytics tracking code
Clicca per abilitare/disabilitare Google Fonts
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds
Cookie Policy e Preferenze sulla Privacy
Il nostro sito web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti. Definite le vostre preferenze sulla privacy e/o acconsentite all'uso dei cookie.